Calcio Totale > Pagina articoli > Film del campionato > Il più brutto Pescara della stagione perde 3-0 a Brescia

Il più brutto Pescara della stagione perde 3-0 a Brescia

di Daniele Astolfi. Altra rovinosa caduta del Pescara targato Serse Cosmi. Brutta sconfitta nel punteggio e, soprattutto, pessima prestazione dei biancazzurri. Dopo l’ottima trasferta di Latina, tutti pensavamo che, finalmente, fosse stata imboccata la strada giusta, proprio con il nuovo tecnico. E, invece, dopo l’exploit in terra pontina, la squadra è tornata a mostrare il lato volubile della sua personalità. Il leit motiv di questa strana annata è stato la mancanza di continuità nelle prestazioni e nell’identità. Tante volte ci siamo chiesti a cosa fosse dovuto tutto questo. Nessuno è stato capace, finora, di fare una diagnosi attendibile. Ad esser sinceri non è facile. Oggi ancor di più. La partita degli adriatici è stata pessima sin dalle fasi iniziali. La novità nella formazione iniziale è l’assenza di Salviato a causa di un problema muscolare. Per il resto Cosmi si affida al solito gruppo e modulo.
Mister Iaconi, ex di lusso insieme al fratello DS Andrea, manda invece Caracciolo in panchina. Dopo un inizio che vede molti giocatori biancazzurri “in braccio a Morfeo”, al 37’ s’infortuna anche il portiere Belardi. Fa dunque il suo esordio il giovanissimo lituano Svedkauskas. Le uniche occasioni sono per il Brescia con Corvia che si rende pericoloso in due occasioni. Nel secondo tempo Iaconi si decide a far entrare Caracciolo. La scelta si rivela azzeccata perché già al 55’ il nuovo entrato si rende minaccioso, reclamando anche un calcio di rigore. Penalty che viene concesso al 68’ per una sciagurata entrata fallosa di Ragusa al limite dell’area proprio ai danni dell’airone. Cosmi a questo punto inserisce Politano e Maniero per correre ai ripari, ma la reazione non c’è. Addirittura le rondinelle raddoppiano al 79’ con Di Cesare che realizza una fantastica rete dal limite dell’area, senza che nessun biancazzurro riesca ad opporre resistenza alcuna. All’83’ il Brescia completa il suo capolavoro con la terza rete di Valotti con un diagonale chirurgico. È evidente, anche in questa occasione, la staticità palesata dalla difesa biancazzurra. Lo stesso giovanissimo, classe 95’, attaccante bresciano potrebbe addirittura portare a quattro le reti se la traversa non gli negasse la gioia della doppietta personale.
Forte è dunque l’umiliazione per la compagine adriatica, specie quando non c’è nemmeno il rimpianto per occasioni create e sciupate. Ad oggi le “debacle” sono ormai numerose. Peccato, perché si tratta di un campionato estremamente mediocre e notevoli potevano essere le possibilità di affermazione.

Brescia – Pescara 3 – 0
reti 68’ Caracciolo (R), 79’ Di Cesare, 83’ Valotti.
calci d’angolo 5 a 3 per il Brescia
arbitro Sig. Claudio Gavillucci di Latina
assistenti Sigg. Pezzuto e Ciancaleoni

Brescia
Arcari; Paci, Budel, Di Cesare; Zambelli, Finazzi, Rubén Olivera, Grossi ( 62’ Scaglia), Ntow; Sodinha (74’Valotti), Corvia (53’ Caracciolo).
allenatore Ivo Iaconi

Pescara
Belardi (37’ Svedkauskas); Zauri, Cosic, Bocchetti; Ragusa, Zuparic, Brugman, Mascara ( 72’ Maniero), Balzano; Caprari ( 65’ Politano), Sforzini.
allenatore Serse Cosmi

Sull'autore: Daniele Astolfi

Non ancora commentato

Lascia un commento

Modulo commento

Tutti i campi con il simbolo (*) sono obbligatori

© 2017 Calcio Totale / Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Pescara il 03/09/2014 al n° 11. Registro della Stampa del Tribunale di Pescara n° 11-2014.

contatti | Back to top.